Salta il contenuto
Sintomi-dell-ADHD-differenze-tra-ragazzi-e-ragazze

Sintomi dell'ADHD: differenze tra ragazzi e ragazze

Il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) è un disturbo del neurosviluppo che colpisce sia i bambini che gli adulti. È caratterizzato da modelli persistenti di disattenzione, impulsività e iperattività e colpisce milioni di persone in tutto il mondo. Tuttavia, è importante notare che l'ADHD non si presenta in modo uniforme in tutti gli individui. Ci possono essere notevoli variazioni e il genere gioca un ruolo importante nel modo in cui i sintomi si manifestano. Questo post esplora le differenze nei sintomi dell'ADHD tra ragazzi e ragazze.

Capire l'ADHD

L'ADHD è un disturbo complesso che influisce su vari aspetti della vita di una persona, tra cui il rendimento scolastico, il successo professionale e le relazioni interpersonali. L'ADHD viene solitamente classificato in tre tipi: Prevalentemente disattenzione, Prevalentemente iperattività-impulsività e tipo combinato. Ognuno di essi presenta un insieme di sintomi unico, con alcune sovrapposizioni.

Differenze generali nella presentazione dei sintomi dell'ADHD

Sintomi dell'ADHD: differenze tra ragazzi e ragazze I sintomi dell'ADHD possono variare notevolmente da un individuo all'altro. Fattori come l'età, la personalità e le influenze ambientali possono influenzare il modo in cui questi sintomi si presentano. Inoltre, la ricerca dimostra che il genere può avere un impatto significativo sulla manifestazione dei sintomi dell'ADHD, portando a esperienze diverse per ragazzi e ragazze.

I sintomi dell'ADHD nei ragazzi

I ragazzi sono spesso associati in modo stereotipato all'ADHD, soprattutto per la loro tendenza a presentare sintomi più evidenti. È più probabile che venga loro diagnosticato il tipo di ADHD prevalentemente iperattivo-impulsivo o combinato. I sintomi comunemente riscontrati nei ragazzi includono:

Ansia e iperattività: I ragazzi spesso mostrano segni fisici di iperattività, come correre, agitarsi o avere problemi a stare fermi.

Impulsività: I ragazzi con ADHD possono agire senza pensare, dando luogo a comportamenti impulsivi come interrompere gli altri, avere difficoltà ad aspettare il proprio turno e fare le bizze.

Difficoltà di concentrazione: Anche se meno riconosciuti, i ragazzi possono avere problemi di disattenzione. Possono avere difficoltà a rimanere concentrati, perdere facilmente di vista le cose e apparire smemorati.

Le aspettative e i pregiudizi sociali possono influenzare il riconoscimento e la diagnosi di ADHD nei ragazzi. Spesso ci si aspetta che i ragazzi siano energici e attivi, il che può far sì che i sintomi di iperattività e impulsività vengano trascurati o liquidati come tipici "comportamenti maschili".

Sintomi di ADHD nelle ragazze

Sintomi dell'ADHD: differenze tra ragazzi e ragazze

 L'ADHD nelle ragazze spesso non viene riconosciuto perché i sintomi tendono a essere meno evidenti di quelli dei ragazzi. È più probabile che alle ragazze venga diagnosticato il tipo di ADHD prevalentemente disattento. I loro sintomi spesso includono:
Disattenzione: Le ragazze affette da ADHD hanno spesso difficoltà di concentrazione, ma questo può essere scambiato per un sogno a occhi aperti o per mancanza di interesse.

Disorganizzazione: le ragazze possono avere problemi di organizzazione, spesso sbagliano a collocare gli oggetti o hanno difficoltà a tenere traccia dei compiti.

Difficoltà di autoregolazione: Le disfunzioni emotive, tra cui reazioni emotive intense o sbalzi d'umore, possono essere un sintomo di ADHD nelle ragazze.

Anche i pregiudizi sociali possono influenzare il riconoscimento dell'ADHD nelle ragazze. Spesso ci si aspetta che le ragazze siano calme, tranquille e attente, il che può portare a trascurare i sintomi dell'ADHD o a confonderli con altri problemi come l'ansia o i disturbi dell'umore.

Effetto delle differenze di genere sulla diagnosi

Le differenze nella presentazione dei sintomi tra ragazzi e ragazze possono influenzare significativamente la diagnosi di ADHD. I ragazzi hanno maggiori probabilità di essere diagnosticati a causa dei loro sintomi iperattivi e impulsivi più evidenti. Le ragazze, invece, sono spesso sottodiagnosticate o diagnosticate più tardi a causa dei loro sintomi meno evidenti, per lo più disattenti. Questo ritardo o la mancata diagnosi possono portare a lotte prolungate a scuola, a una minore autostima e a un aumento del rischio di una condizione di salute mentale coesistente.

Importanza di comprendere le differenze

La comprensione di queste differenze di genere nella presentazione dei sintomi dell'ADHD è fondamentale per genitori, insegnanti e operatori sanitari. Può guidarli nell'identificazione precoce dei potenziali segni di ADHD, portando a una diagnosi e a un intervento più precoci. Questa identificazione precoce è fondamentale perché apre le porte a trattamenti e strategie efficaci per gestire i sintomi e migliorare la qualità di vita complessiva. Inoltre, può contribuire a mitigare alcuni dei potenziali effetti negativi dell'ADHD, come le difficoltà scolastiche e la bassa autostima.

Consigli per genitori e insegnanti

Riconoscere i sintomi dell'ADHD può essere impegnativo, soprattutto se si considerano le differenze nel modo in cui si presentano nei ragazzi e nelle ragazze. Ecco alcune strategie per aiutarvi a riconoscere questi sintomi:

Essere attenti: Osservate regolarmente il comportamento del vostro bambino o studente. Cercate modelli coerenti di disattenzione, iperattività o impulsività che sembrano essere fuori dalla norma per la loro età e il loro sviluppo.

Ascoltare e comunicare: Una comunicazione regolare con il vostro bambino o studente può darvi una visione delle sue esperienze. Ascoltate le loro difficoltà e preoccupazioni e incoraggiate conversazioni aperte sui loro sentimenti e sulle loro esperienze.

Cercate un aiuto professionale: se sospettate che vostro figlio o studente possa avere l'ADHD, consultate un professionista della salute. Questi può fornire una valutazione approfondita e guidarvi verso i passi successivi.

Sostenete la vostra opinione: Sostenete le esigenze del vostro bambino o studente. Se notate difficoltà continue che potrebbero essere legate al disturbo da deficit di attenzione, parlatene e cercate il supporto di professionisti della salute o di risorse scolastiche.

Upbility cerca di fornire informazioni accurate e aggiornate sul disturbo da deficit dell’attenzione/iperattività (ADHD) non solo per i clinici e terapeuti, ma anche per i genitori. Possiede una ricca libreria di risorse digitali che possono guidarvi nel viaggio verso l'intervento, la gestione e il trattamento di questo disturbo. È possibile trovare un'ampia gamma di strumenti, schede ed esercizi per aiutare i bambini con ADHD a sviluppare le competenze appropriate. 

adhd adhd  

Condizioni esistenti

Sintomi dell'ADHD: differenze tra ragazzi e ragazze Raramente l'ADHD si manifesta in modo isolato. È comune che i bambini con ADHD abbiano una o più condizioni coesistenti. Alcune di queste includono:

Disturbi dell'apprendimento

Dislessia: Questo disturbo dell'apprendimento riguarda principalmente la lettura. I bambini con dislessia possono avere difficoltà nel riconoscimento delle parole, nell'ortografia e nella comprensione del testo. Questo disturbo, combinato con il disturbo da deficit di attenzione, può creare notevoli difficoltà nell'ambiente accademico.

Discalculia: questa condizione comporta difficoltà nella comprensione dei numeri e dei fatti matematici. I bambini affetti da disaritmia possono avere difficoltà a risolvere problemi matematici, a comprendere i simboli matematici o a seguire le sequenze.

Disturbi dell'umore

Depressione: i sintomi della depressione nei bambini possono includere sentimenti persistenti di tristezza, perdita di interesse in attività che un tempo piacevano, cambiamenti nell'appetito o nel sonno e difficoltà di concentrazione. ADHD e depressione possono coesistere e alcuni sintomi, come la difficoltà di concentrazione o la sensazione di ansia, possono sovrapporsi, rendendo la diagnosi più complicata.

Ansia: i bambini affetti da ansia possono manifestare preoccupazione eccessiva, irrequietezza e difficoltà di concentrazione, sintomi che si manifestano anche nel disturbo da deficit di attenzione. Un bambino può avere entrambe le condizioni, oppure i sintomi dell'ansia possono essere scambiati per ADHD e viceversa.

Disturbi comportamentali   

  Disturbo oppositivo provocatorio (ODD): questo disturbo è caratterizzato da uno schema di umore arrabbiato o irritabile, da un comportamento polemico/sfidante o da un atteggiamento vendicativo. I bambini affetti da ODD possono litigare con gli adulti, sfidare o rifiutarsi di obbedire alle regole, infastidire deliberatamente gli altri o incolpare gli altri dei loro errori. ADHD e ODD spesso coesistono e la gestione di entrambi può essere difficile, ma è possibile con le giuste strategie. 
Disturbo della condotta (CD): si tratta di un disturbo comportamentale più grave che comporta una serie di violazioni dei diritti fondamentali degli altri o delle norme sociali. I bambini con disturbo della condotta possono mostrare comportamenti aggressivi, inganni e distruzione di proprietà.

Opzioni di trattamento 

Farmaci: I farmaci stimolanti e non stimolanti possono essere utilizzati per gestire i sintomi dell'ADHDTerapia comportamentale: Può aiutare i bambini a sviluppare comportamenti positivi e a gestire i sintomi.Psicoeducazione: Educare un bambino sul disturbo da deficit di attenzione può aiutarlo a comprendere i suoi comportamenti e i suoi sentimenti.
Supporto a scuola: L'attuazione di programmi educativi individualizzati (IEP) o di piani 504 può aiutare a sostenere le esigenze educative.Il ruolo di uno stile di vita equilibrato

Alimentazione: Una dieta equilibrata e nutriente può svolgere un ruolo importante nella gestione dei sintomi dell'ADHD. Sebbene non esista una "dieta per l'ADHD" specifica e universalmente raccomandata, alcune scelte alimentari possono contribuire alla salute generale del cervello e al miglioramento dei sintomi:

Alimenti ricchi di proteine: Le proteine, contenute in alimenti come carni magre, uova, fagioli e noci, possono contribuire alla vigilanza e alla concentrazione.

Carboidrati complessi: Alimenti come cereali integrali, frutta, verdura e legumi sono una buona fonte di carboidrati complessi che forniscono energia stabile e stabilizzano i livelli di zucchero nel sangue.

Acidi grassi Omega-3: Gli acidi grassi omega-3, contenuti in pesci come il salmone e il tonno, oltre che nei semi di lino e nelle noci, sono importanti per la salute del cervello.

Esercizio fisico 

Un'attività fisica regolare può avere un impatto positivo sui sintomi dell'ADHD. L'esercizio fisico può aumentare i livelli di dopamina, noradrenalina e serotonina nel cervello, che svolgono un ruolo fondamentale per la concentrazione e l'attenzione. Possono essere utili sia le attività fisiche strutturate, come gli sport di squadra o le arti marziali, sia quelle non strutturate, come giocare in un parco.

Il sonno

Il sonno è fondamentale per tutti, ma soprattutto per le persone con disturbo da deficit di attenzione. La mancanza di sonno può esacerbare i sintomi dell'ADHD, come disattenzione, iperattività e impulsività. Le buone pratiche di igiene del sonno per i bambini con ADHD possono includere il mantenimento di un programma di sonno coerente, la creazione di un ambiente tranquillo e confortevole per il sonno e l'istituzione di una routine rilassante per andare a letto.

Mindfulness e tecniche di rilassamento

Pratiche come la meditazione mindfulness, lo yoga e gli esercizi di respirazione profonda possono aiutare a ridurre lo stress e l'ansia, a migliorare la concentrazione e a promuovere il benessere generale. Queste tecniche possono essere particolarmente utili per le persone con ADHD, aiutandole a sviluppare una maggiore consapevolezza di sé e capacità di autoregolazione.

Limitare il tempo trascorso sullo schermo

L'eccessivo tempo trascorso sullo schermo può influire sia sul sonno che sull'attività fisica, quindi è importante gestire e limitare la quantità di tempo che si trascorre sui dispositivi elettronici. Incoraggiate altre attività come il gioco all'aperto, la lettura e gli hobby creativi.

Uno stile di vita equilibrato che incorpori questi elementi può aiutare molto a gestire i sintomi dell'ADHD e a promuovere il benessere generale. Tuttavia, le modifiche allo stile di vita dovrebbero integrare e non sostituire i trattamenti tradizionali per l'ADHD, come i farmaci o la terapia comportamentale. È sempre meglio discutere qualsiasi modifica dello stile di vita con un professionista della salute.

La comprensione delle differenze nella presentazione dei sintomi dell'ADHD tra ragazzi e ragazze è fondamentale per l'identificazione e l'intervento precoci. Mentre i ragazzi sono spesso associati al disturbo da deficit di attenzione a causa dei loro sintomi più evidenti, è importante ricordare che le ragazze possono avere e hanno l'ADHD, anche se spesso si presentano con sintomi meno evidenti. Il riconoscimento e la comprensione precoci possono portare a interventi tempestivi, migliorando la qualità di vita complessiva dei bambini con ADHD.

Ricordate che l'ADHD non definisce il vostro bambino o studente. Non sono la loro diagnosi, ma piuttosto individui unici con i loro punti di forza e le loro capacità. Con la conoscenza, la comprensione e il sostegno adeguato, possono affrontare con successo il loro percorso con il disturbo da deficit di attenzione.

Qui potete trovare un'ampia gamma di strumenti, fogli di lavoro ed esercizi per aiutare i bambini con ADHD a sviluppare le competenze adeguate.

Contenuto originale del team di redazione di Upbility. Questo articolo, in tutto o in parte, non può essere ripubblicato senza l'attribuzione all'editore.

Puoi anche leggere:  

Libri suggeriti: 

Articolo precedente Disturbo bipolare in età pediatrica: miti e fatti