Salta il contenuto
Che-cos-è-il-disturbo-oppositivo-provocatorio?

Soffro di disturbo oppositivo provocatorio

Disturbo Oppositivo Provocatorio

e questo significa che... 

Ciò che ti chiedo di fare è:

  •  Smetti di minacciarmi; non ho paura di te
  • Apprezza i piccoli miglioramenti che compio
  • Incoraggiami qualche volta
  • Sii leale e coerente nei miei confronti
  • Smetti di isolarmi
  • Aiutami quando perdo il controllo
  • Riconosci che ci sono anche motivazioni positive dietro il mio comportamento turbolento
  • Insegnami tecniche di autocontrollo
  • Passa del tempo assieme a me, rimani anche quando ti
  • chiedo di andartene

download gratuito da parte Upbility.it  

La diagnosi di Disturbo Oppositivo Provocatorio (DOP) si applica a bambini che esibiscono livelli di rabbia persistente ed evolutivamente inappropriata, irritabilità, comportamenti provocatori ed oppositività, che causano menomazioni nell’adattamento e nella funzionalità sociale.

Che cos’è il disturbo oppositivo provocatorio?



Che un bambino ogni tanto disturbi la classe mentre parla con un amico è qualcosa che accade normalmente. Ma che la stessa persona urli nel bel mezzo di una lezione e agisca in modo sfacciato nei confronti dell’insegnante è tutta un’altra cosa, e rappresenta probabilmente un segnale di qualcosa di molto più serio. 


Se quei comportamenti diventano un modello, può darsi che il bambino abbia un disturbo oppositivo provocatorio o ODD. Se è vero che molti bambini inveiscono contro gli altri di tanto in tanto, coloro che presentano ODD lo fanno incessantemente. Il disturbo è problematico al punto da poter perturbare ogni aspetto della loro esistenza. 
Quali sono, dunque, i tratti più comuni del disturbo oppositivo provocatorio e come è possibile trovare un adeguato supporto di salute mentale?


Che cos’è il disturbo oppositivo provocatorio? 


Il disturbo oppositivo provocatorio è un tipo di disturbo del comportamento che viene diagnosticato nell’infanzia. Come suggerisce il nome, i bambini con ODD sono ribelli e possono essere ostili verso chiunque gli stia attorno. Si tratta di studenti che finiscono sempre nei guai, nonostante i numerosi tentativi di insegnare loro le conseguenze delle loro azioni. 
Sebbene ODD presenti sintomi simili ad altri disturbi, si differenzia da quelli. A molti bambini con ODD viene diagnosticata ADHD a causa della loro tendenza ad evitare il lavoro o a stare seduti in silenzio. Una delle principali differenze sta nel fatto che i medici possono trattare i sintomi di ADHD con farmaci, mentre ODD richiede un’educazione e una terapia su vasta scala.  
Alcuni bambini con ODD alla fine superano il disturbo con la crescita. Tuttavia, circa un terzo di essi sviluppa un disturbo della condotta che può diventare un disturbo della personalità.  


Tratti di ODD


I bambini con ODD hanno un modello comportamentale ostile che limita il loro funzionamento quotidiano. Non si tratta semplicemente di bambini che non seguono le istruzioni o si rifiutano di svolgere il lavoro di classe.
Un bambino con disturbo oppositivo provocatorio ha frequenti scatti d’ira e discute costantemente con gli adulti. Mette in discussione le regole e si rifiuta di rispettarle. In alcuni casi, può agire deliberatamente in modo da turbare gli altri. 
Il bambino con ODD può essere facilmente infastidito o arrabbiarsi per un nonnulla. Può parlare in modo scortese o dispettoso. Se ritiene di essere stato punito o sgridato ingiustamente, può cercare la vendetta. 
I sintomi di ODD sono riscontrati più comunemente a casa o a scuola, a causa della natura di tali contesti. 


Qual è la causa di ODD nei bambini?


Come molti disturbi di salute mentale negli anni dell'adolescenza, la causa esatta di ODD non è nota. Tuttavia, la ricerca suggerisce che è dovuto ad una combinazione di fattori biologici, genetici e ambientali. 
Ci sono due teorie principali riguardo a come un bambino possa sviluppare il disturbo oppositivo provocatorio: la teoria dello sviluppo e la teoria dell’apprendimento. 
La teoria dello sviluppo suggerisce che i problemi sono iniziati quando il bambino era ancora piccolo. L'idea è che questi bambini hanno avuto difficoltà ad imparare a diventare indipendenti dai loro genitori e agiscono in questo modo per ottenere la loro attenzione. 
La teoria dell'apprendimento suggerisce che i sintomi negativi di ODD sono il risultato di comportamenti appresi. In altre parole, sono il risultato dei metodi negativi di rinforzo utilizzati dai genitori. Riflettono i loro ambienti e agiscono perché vedono le altre persone nella loro vita reagire in questo modo. 
È probabilmente il risultato di una combinazione di entrambi, perché la maggior parte dei bambini con ODD superano in qualche modo il disturbo crescendo. Ciò suggerisce che, man mano che si sviluppano e imparano, nuovi comportamenti iniziano a prendere piede. 


Affrontare ODD in classe


Uno dei luoghi in cui un bambino con ODD può dimostrarsi più dirompente è in classe. Molti insegnanti non sono attrezzati per affrontare un bambino il cui obiettivo principale è quello di attirare l'attenzione di tutti gli altri su di sé. Anche gli insegnanti preparati per affrontare i disturbi del comportamento spesso si trovano ad essere vessati. 
Gli studenti con ODD potrebbero avere bisogno di sedere accanto all'insegnante, per evitare di disturbare gli altri studenti. Potrebbe essere necessario assecondarli con pause e più tempo per completare le attività. Uno studente con ODD dovrebbe anche avere incontri di routine con una figura di sostegno o con uno psicologo. 
Come loro insegnante, dovete essere sensibili alle loro problematiche di autostima. Fornite feedback positivi ed evitate di indicarli di fronte ai colleghi.  


Tecniche per i genitori da applicare in famiglia  


A casa, la sfida è di tipo diverso. Anche se potrebbero non esserci altri bambini da interrompere, un bambino con ODD può comunque causare interruzioni nei luoghi pubblici o gridare in casa. 
Per le discussioni ricorrenti, cercate di individuare la causa principale del problema. Apportate modifiche al processo e mantenetevi coerenti. Usate una voce calma quando comunicate con loro e spiegate perché è importante seguire la regola. 
In generale, essere genitori efficaci dovrebbe includere una struttura per far rispettare le regole e la creazione di un senso di appartenenza con il vostro bambino. Dovreste anche chiedere riscontri e rispettare le loro scelte, anche se non è necessariamente quello che avevate pianificato per loro. 


Trovare servizi di salute mentale


Non esiste un modo garantito per prevenire o trattare il disturbo oppositivo provocatorio. Non è come chiedere al pediatra di prescrivere un farmaco che fermerà il comportamento errato. Solo genitori e trattamenti positivi possono aiutare a migliorare il comportamento di questi bambini prima che peggiori. 
Trovate un terapista che sia specializzato nel trattamento di ODD. Potete anche acquistare e-book online sulla gestione del comportamento, per contribuire a sviluppare le abilità sociali del vostro bambino, regolare le sue emozioni e coltivarne l'empatia. Ci possono anche essere gruppi di supporto dei genitori nella vostra zona o disponibili online, cui valga la pena di unirsi. 


Migliorate le vostre abilità di supporto alla salute mentale


Anche i migliori professionisti della salute mentale possono avere difficoltà a gestire i sintomi del disturbo oppositivo provocatorio. Dopo tutto, un bambino con ODD sfiderà tutte le regole e le aspettative fissate da una figura di autorità. Fortunatamente per loro, vi è abbondanza di materiale online che può essere di aiuto.


Upbility fornisce materiale in varie aree, tra cui istruzione speciale, disabilità di apprendimento, comportamento e linguaggio. Potete anche sfogliare i nostri materiali per ruolo se siete un logopedista, uno psicologo o lavorate in un altro campo. Contattateci per avere maggiori informazioni sui nostri prodotti o per qualsiasi domanda. 

Copyright Upbility 2022

disturbo-oppositivo-provocatorio

Libri suggeriti: 

 

Puoi anche leggere: 

 

Articolo precedente La NMES in età pediatrica
Articolo successivo Kit di supporto estivo per bambini con ADHD