Salta il contenuto
Miti-riguardo-il mutismo-selettivo

Miti riguardo il mutismo selettivo

Miti riguardo il mutismo selettivo

Classificazione dei fatti rispetto ad un disturbo poco compreso.

Il mutismo selettivo (MS) è un disturbo ansioso relativamente raro in cui i bambini che normalmente parlano a casa non sono in grado di comunicare in altri contesti pubblici, inclusa la scuola. Il loro comportamento è spesso interpretato come l’incapacità di parlare o come un rifiuto volontario di parlare. Ecco alcuni dei miti più comuni sul MS.

Selettivamente, i bambini muti sono stati traumatizzati o abusati.

Questo è un mito infelice poiché può distogliere i genitori dal cercare aiuto per un bambino che ha paura che si pensi che sia stato abusato. Non ci sono prove che correlino il mutismo selettivo al trauma; i bambini che sono muti selettivamente sono a loro agio quando parlano a casa ma sono sopraffatti dall’ansia in situazioni sociali. Gli esperti credono che la condizione sia familiare e probabilmente genetica.

L’MS è solo timidezza. I bambini con MS ne usciranno da grandi.

L’MS è un tipo di ansia sociale che è molto più estrema della semplice timidezza; è una incapacità paralizzante di parlare che interferisce con la vita e lo sviluppo del bambino. Anche se alcuni bambini superano l'MS senza trattamenti, possono sopportare anni di sofferenza e perdere le attività e lo sviluppo proprie della loro età.

I bambini con MS hanno problemi di linguaggio.

Anche se alcuni bambini con MS soffrono di ritardi del linguaggio, le due condizioni non sono correlate e molti bambini selettivamente muti non hanno problemi di lingua o linguaggio. Quando i bambini non riescono a parlare con adulti che non riconoscono, le loro abilità verbali possono essere sottovalutate.

I bambini con MS sono manipolativi o oppongono resistenza.

L'idea che i bambini “scelgano” il mutismo selettivo era un’idea popolare tanto che l’MS era conosciuta come “mutismo elettivo” ed era attribuito allo scarso lavoro genitoriale. La verità è che l’MS deriva dall’ansia sociale e inibizione, non dalla rabbia o dal desiderio di controllare; i bambini lo avvertono come un’incapacità di parlare.

I bambini con SM sono in grado di parlare se gli adulti pongono domande più chiare.

La pressione di parlare è precisamente quello che i bambini con SM trovano più paralizzante. Quello di cui hanno bisogno sono interventi per ridurre l’ansia e incoraggiare gli sforzi a parlare con un rinforzo positivo. Fare attenzione a dare al bambino 5 secondi in più per rispondere ad una domanda può anche aumentare la possibilità che riscopra la sua voce.

L’MS è una forma di autismo

I bambini con MS, quando si sentono ansiosi, spesso reagiscono con una mancanza di contatto visivo, un’espressione vuota e altri comportamenti che possono assomigliare al disturbo dello spettro autistico. Ad ogni modo, l’MS è fondamentalmente diversa dall’autismo; mentre i bambini con autismo mancano di abilità sociali e comunicative, i bambini con MS sono gravemente inibiti nel linguaggio in alcune situazioni.

Libri suggeriti: 

Puoi anche leggere: 

Psicologia

Logopedisti

Neuropsicologi

Articolo precedente Disturbo bipolare in età pediatrica: miti e fatti