Salta il contenuto
Segnali-che-un-bambino-potrebbe-soffrire-di-un-disturbo-dell-elaborazione-uditiva

Segnali che un bambino potrebbe soffrire di un disturbo dell’elaborazione uditiva

Sembra che il bambino perda molto di quello che ascolta?

Alcuni bambini sembrano avere problemi a decifrare o decodificare i suoni che compongono la lingua. Anche se il loro udito è normale, perdono molti dei dettagli rispetto a quello che gli viene detto, in particolare in ambienti rumorosi o che distraggono. Questi bambini possono soffrire di una condizione chiamata disturbo dell’elaborazione uditiva e può interferire sia con l’apprendimento sia con l’interazione con altre persone.

Segnali che un bambino potrebbe soffrire di un disturbo dell’elaborazione uditiva

Cosa ricercare

Quali sono i segnali che un bambino potrebbe soffrire di difficoltà dell'elaborazione uditiva? Ecco alcuni comportamenti che voi o l'insegnate di vostro figlio potreste aver notato:

  • Non memorizza canzoncine o filastrocche
  • Ha problemi a seguire gli ordini
  • Non ricorda i dettagli di ciò che ha sentito
  • Sembra che ascolti ma non sente
  • Spesso confonde due parole con suoni simili
  • Ha difficoltà a capire il linguaggio in ambienti rumorosi
  • Ha problemi ad imparare e compitare
  • Trova difficile seguire le conversazioni
  • Trova difficile esprimersi chiaramente
  • Chiede frequentemente alle persone di ripetere cosa hanno detto

Tutti questi comportamenti possono indicare problemi dell’elaborazione uditiva ma sono anche comportamenti che possono avere altre cause. Alcuni di questi appaiono nei bambini che soffrono ADHD o altri disturbi del linguaggio o dell'apprendimento quindi determinare la causa del comportamento è vitale per diagnosticare correttamente le difficoltà del bambino.

Poiché questi sintomi si sovrappongono ad altri disturbi, il disturbo dell’elaborazione uditiva non può essere diagnosticato solamente attraverso un elenco di sintomi. Anche se un insegnante, un terapista educativo o logopedista possono valutare se il bambino funziona relativamente al linguaggio o all'ascolto, la condizione viene diagnosticata solamente dagli audiologi che utilizzano test che misurano le funzioni di elaborazione uditiva specifiche.  I bambini possono avere problemi con uno o entrambi.

Per valutare l’elaborazione uditiva del bambino, un audiologo eseguirà una serie di test, in una sala dotata di vari rumori che richiedono che il bambino ascolti diversi segnali e reagisca ad essi in qualche modo. Un bambino deve avere almeno 7 o 8 anni per essere abbastanza maturo da eseguire il test.

Poiché si sovrappone ad altri disturbi dell’attenzione, del linguaggio e dell’apprendimento, non tutti gli esperti vedono i problemi dell’elaborazione uditiva come parti costituenti di un disturbo a se stante. Non è incluso nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali che psichiatri e altri utilizzano come base comune per la diagnosi.

Ma i bambini che hanno carenze nell’elaborazione uditiva posso spesso beneficiare di ricettività che includono l’ottimizzazione dell’ambiente di ascolto in classe e istruzioni che si basano su altre capacità. E spesso lavorano con logopedisti e linguisti per rafforzare le abilità di ascolto e decodifica che sono automatiche in altri bambini.

Puoi anche leggere:

Libri suggeriti: 

Psicologia

Logopedisti

Neuropsicologi

Articolo precedente Disturbo bipolare in età pediatrica: miti e fatti