Salta il contenuto
La-balbuzie-nei-bambini-Cosa-è-necessario-sapere

La balbuzie nei bambini Cosa è necessario sapere

La balbuzie nei bambini Cosa è necessario sapere

La balbuzie richiede pazienza perseveranza e adattamento! 

La balbuzie detta anche balbettamento, dislalia, disfemia o disartria funzionale è un disturbo del linguaggio caratterizzato dalla fluenza interrotta e da involontarie ripetizioni e prolungamenti di suoni, sillabe, parole o frasi, con frequenti pause o blocchi in cui la persona che balbetta non è in grado di esprimere verbalmente, in modo continuo, un pensiero o un concetto, nonostante lo abbia già formulato mentalmente. La locuzione utilizzata per questi blocchi è "disfluenze verbali"

Questo è associato a un impatto psicologico negativo che può portare il disfluente allo sviluppare stati d'ansia, fobie specifiche, forme di evitamento, forme di depressione e isolamento auto-imposto, in relazione agli episodi traumatici vissuti. 

I bambini con balbuzie hanno difficoltà a comunicare con gli altri e spesso si sentono meno sicuri nelle situazioni sociali. Se vostro figlio o uno dei vostri studenti parla balbettando, potreste chiedervi cosa dovreste fare.

Potreste preoccuparvi nell’udire il bambino balbettare mentre tenta di articolare le parole. Tuttavia, la balbuzie è un problema del linguaggio relativamente comune nell’infanzia e interessa circa il 5-10 percento dei bambini tra i 2 e i 5 anni, con una prevalenza dei maschi rispetto alle femmine, in una proporzione di circa quattro a uno.

Sebbene la balbuzie possa essere frustrante ed imbarazzante, non è un segno di malattia mentale né di disabilità intellettiva. Con cura ed esercizio, molti bambini con balbuzie riescono a parlare fluentemente.

Questo articolo fornisce alcune utili informazioni sulla balbuzie nei bambini, incluse le sue cause, i modi per assistere il bambino e quando ricorrere all’aiuto di un esperto.

Che cos’è la balbuzie?

La balbuzie è un disturbo del linguaggio che interessa la fluenza del parlato di una persona. La balbuzie, anche nota come disturbo della fluenza con esordio nell’infanzia, include ripetizioni, suoni prolungati o interrotti che perturbano il normale flusso del discorso.

Una persona o un bambino che balbetta sa cosa vuole dire. È in grado di formulare per intero i pensieri che intende comunicare. Tuttavia, i suoni, le sillabe o le parole risultano ripetute o prolungate man mano che parla. Oppure, la persona o il bambino può fare delle pause di silenzio involontarie o bloccarsi nel discorso.

Quali sono i sintomi della balbuzie?

La balbuzie si presenta con interruzioni involontarie del discorso che rendono difficile alle persone che balbettano comunicare i loro pensieri in modo efficace. I sintomi della balbuzie possono variare da persona a persona e possono essere più accentuati quando la persona è sotto stress o è soggetta a stanchezza o eccitazione.

I segni e sintomi specifici della balbuzie includono in seguenti comportamenti:

  • Difficoltà ad iniziare una frase
  • Ripetizione di suoni, sillabe o parole
  • Allungamento del suono all’interno di una parola
  • Brevi pause tra suoni o sillabe
  • Aggiunta di parole o suoni non necessari, come “ehm”

La balbuzie può essere accompagnata dalle seguenti azioni:

  • tensione del volto, del collo e delle spalle
  • rapido ammiccamento degli occhi o ammiccamento più accentuato del solito
  • labbra e mandibola serrate o tremolanti
  • movimenti a scatto del capo e tic facciali
  • frequente deglutizione o schiarimento della gola
  • respirazione più rapida o respiro più corto rispetto alla media

Quale impatto ha la balbuzie sulla vita di un bambino?

Questa limitata capacità di comunicare in modo efficace spesso crea ansia nelle situazioni sociali o parlando al telefono. Tuttavia, la maggior parte delle persone con balbuzie è in grado di parlare chiaramente da sola o sa cantare senza balbettare.

Qual è la causa della balbuzie nei bambini?

Vi sono diverse spiegazioni possibili per cui alcuni bambini possono iniziare a balbettare, incluse cause genetiche, fisiche, legate allo sviluppo e fattori psicologici o emozionali.

La balbuzie è genetica?

Sì, vi sono prove significative e inconfutabili che indicano che la balbuzie è un disturbo ereditario. Oltre la metà dei casi di balbuzie può essere fatta risalire a fattori genetici. Tuttavia, la gravità di questo disturbo del linguaggio può variare tra i membri della famiglia.

Fattori fisici

La balbuzie può essere in parte dovuta ad un problema legato al modo in cui la lingua e i muscoli della bocca interagiscono nel produrre il parlato. Questa teoria è suffragata dal fatto che la balbuzie spesso è un disturbo ereditario, suggerendo che vi possa essere una componente genetica alla base di tale condizione.

Fattori legati allo sviluppo

I bambini con ritardi nello sviluppo o altri disturbi dell’elaborazione del linguaggio e del discorso tendono ad essere più a rischio per quanto riguarda la balbuzie. Uno studio recente ha trovato un nesso che indica che l’ADHD può causare la balbuzie.

Fattori psicologici o emozionali

La balbuzie può anche essere legata a fattori psicologici come ansia o stress. I bambini sottoposti a pressione per elevate aspettative a livello scolastico o familiare possono essere maggiormente soggetti alla balbuzie. Alcuni bambini potrebbero iniziare a balbettare dopo aver sperimentato un evento traumatico come la morte di una persona cara.

Quando è necessario ricorrere ad un logopedista in caso di balbuzie?

Può essere utile ricorrere al supporto di un logopedista se un bambino presenta difficoltà nel linguaggio parlato. Fattori quali l’età del bambino e in che misura la balbuzie sta avendo un impatto sulla qualità della sua vita possono aiutare a stabilire quando sia il momento di cercare una diagnosi o l’assistenza da parte di un logopedista.

A quale età un bambino dovrebbe smettere di balbettare?

Non esiste una risposta netta a questa domanda, poiché ogni bambino è diverso dagli altri. Alcuni esperti affermano che i bambini solitamente smettono di balbettare tra i cinque e i sei anni, mentre altri sostengono che la balbuzie può continuare nell’adolescenza e addirittura nell’età adulta.

Come si cura la balbuzie nei bambini?

Quando è necessaria una cura, la cosa più importante è trovare un approccio che funzioni con il vostro bambino. I metodi per curare la balbuzie includono le seguenti terapie e tecnologie.

  • La logopedia può aiutare i bambini ad imparare a controllare la respirazione e migliorare la fluenza. Questo approccio aiuta i bambini ad imparare a parlare con una struttura lenta e ritmica e a usare parole e frasi semplici da pronunciare.
  • Dispositivi elettronici possono incoraggiare i bambini a rallentare il loro eloquio e a focalizzarsi sulla pronuncia corretta delle parole. Esistono diversi tipi di dispositivi elettronici che possono essere usati per trattare la balbuzie nei bambini.
  • La terapia cognitivo comportamentale aiuta i bambini a cambiare il modo in cui considerano la balbuzie e il loro eloquio. Aiuta i bambini a identificare e modificare i pensieri e comportamenti negativi che contribuiscono alla loro balbuzie.

Cosa possono fare genitori e insegnanti per aiutare un bambino con balbuzie?

Vi sono molte cose che insegnanti e genitori possono fare per aiutare un bambino che parla balbettando. Ecco alcuni esempi:

  • incoraggiate il bambino a rallentare e a fare dei respiri mentre parla
  • fate da modello per un parlato lento e rilassato
  • aiutate il bambino a rilassarsi e a ridurre l’ansia che può provare nel parlare
  • ascoltate con attenzione mentre il bambino parla
  • evitate di reagire in modo negativo quando il bambino balbetta
  • consigliate il supporto di un logopedista che possa fornire un maggiore aiuto

Altre risorse per sostenere le abilità linguistiche

Upbility fornisce risorse in grado di aiutare i bambini con difficoltà nel linguaggio e nell’eloquio. Inoltre, offre supporto per altre aree, tra cui istruzione speciale, disturbi dell’apprendimento, comportamento e linguaggio. Se sei un logopedista, psicologo, insegnante per alunni con bisogni speciali oppure un genitore, consulta la nostra raccolta online di materiali preziosi. Contattaci per avere maggiori informazioni sui nostri prodotti o per qualsiasi domanda.

“La balbuzie mi ha spinto a rendermi conto del
valore della mia identità. Mi ha aiutato a guardare
a fondo dentro di me e a concentrarmi
sull’essenza delle cose. Grazie alla balbuzie, sto
bene anche nelle situazioni disagevoli e ho
sviluppato empatia per le persone che hanno
difficoltà”. - Bill N., 27 anni 

Ciò che ti chiedo di fare è: 

  • Aiutami a capire cosa c’è che non va in me
  • Aiutami a volermi bene
  • Dimostra interesse in quello che dico e non per come mi esprimo
  • Lasciami finire quello che sto dicendo senza interrompermi o aiutarmi
  • Aiutami a gestire le mie paure 

Copyright Upbility 2023

Più e libri su: www.upbility.it  

Risorse per logopedisti : 

Vedi altri poster:

 
balbuziente
Articolo precedente Soffro di depressione, e questo significa che..
Articolo successivo Soffro di iperlessia