Insegnare agli studenti che soffrono di ADHD: Strategia per una lezione di successo

Insegnare agli studenti che soffrono di ADHD: Strategia per una lezione di successo

I bambini che soffrono della sindrome da deficit di attenzione e iperattività, o ADHD, trovano difficile concentrarsi sui compiti, fare attenzione, stare seduti fermi, controllare il comportamento impulsivo e ascoltare in silenzio e questo influisce sulla loro prestazione scolastica. Spesso dimenticano di scrivere i compiti di scuola, e quando lo fanno, è possibile che non li facciano o che non li portino a scuola.

Gli studenti che soffrono di ADHD imparano meglio con una lezione attentamente strutturata. Trovano utile quando l’insegnante gli spiega quello che vorrebbe che i bambini imparassero durante la lezione e pone queste abilità e conoscenze nel contesto delle lezioni precedenti. È utile anche quando gli insegnanti mostrano le loro aspettative rispetto a cosa impareranno gli studenti e come dovrebbero comportarsi durante la lezione. La seguente serie di strategie può aiutare gli insegnanti a condurre lezioni di successo:

 

Iniziare la lezione

  • Rivedere le lezioni passate. 
    Rivedete le informazioni delle lezioni precedenti relative a questo argomento. Ad esempio, ricordate ai bambini che la lezione del giorno prima si concentrava sull’apprendimento del raggruppamento in sottrazione. Rivedete i diversi problemi prima di descrivere l’attuale lezione.
  • Stabilire le aspettative di apprendimento. 
    Stabilite ciò che gli studenti devono imparare durante la lezione. Ad esempio, spiegate agli studenti che una lezione di arte in lingua includerà la lettura di una storia su Paul Bunyan e l'identificazione di nuove parole nella storia.
  • Stabilire le aspettative comportamentali. 
    Descrivete come gli studenti devono comportarsi durante la lezione. Ad esempio, dite ai bambini che possono parlare a bassa voce al compagno accanto come fanno durante i compiti o possono alzare la mano per richiedere attenzione.

 

Condurre la lezione

  • Siate prevedibili. 
    La struttura e la coerenza sono molto importanti per i bambini con ADHD; molti non sanno affrontare il cambiamento. Devono capire chiaramente ciò che ci si aspetta da loro e le conseguenze del non rispetto delle aspettative.
  • Utilizzo di materiali audiovisivi. 
    Utilizzate diversi materiali audiovisivi per presentare le lezioni accademiche. Ad esempio, utilizzate un proiettore per dimostrare come risolvere un problema di addizione che richiede raggruppamento. Gli studenti possono lavorare sul problema al loro tavolo mentre voi gestiscono i banchi sulla schermata del proiettore.
  • Utilizzo della tecnologia sensibile. 
    Tutti gli studenti, e coloro con ADHD in particolare, possono beneficiare dell’uso della tecnologia (tipo gli schermi di proiettore e computer) che rende l’istruzione più visiva e consente agli studenti di partecipare attivamente.
  • Dividete il lavoro in unità più piccole. 
    Dividete i compiti in attività più piccole, meno complesse. Ad esempio, consentite agli studenti di completare cinque problemi matematici prima di presentarli con i rimanenti cinque problemi.
  • Evidenziare i punti fondamentali. 
    Evidenziare le parole chiave nelle istruzioni sui fogli di lavoro per aiutare il bambino con ADHD a concentrarsi sulle direzioni. Preparate il foglio di lavoro prima che inizi la lezione, o sottolineate le parole chiave man mano che il bambino legge le indicazioni. Quando leggete, mostrate ai bambini come identificare ed evidenziare una frase principale o fategliela scrivere su un foglio di carta a parte, prima di chiedere il riepilogo dell’intero libro. In matematica, mostrate ai bambini come sottolineare i dati importanti e le operazioni; in “Maria ha due mele e Giovanni ne ha tre”, sottolinea “due”, “e” e “tre”.
  • Aiutare gli studenti a concentrarsi. 
    Ricordate agli studenti di continuare a lavorare e a concentrarsi sui compiti assegnati. Ad esempio, è possibile fornire direttive di follow-up o assegnare collaboratori di apprendimento. Queste pratiche possono essere dirette a singoli bambini o alla classe intera.
  • Eliminare o ridurre la frequenza dei test a tempo. 
    I test a tempo possono non consentire ai bambini affetti da ADHD di dimostrare quello che sanno veramente a causa della loro potenziale preoccupazione del tempo che passa. Concedete agli studenti affetti da ADHD di completare i quiz e i test per eliminare la loro “ansia da test” e fornitegli altre opportunità, metodi o formati di test per dimostrare la loro conoscenza.
  • Utilizzate le strategie di apprendimento collaborativo. 
    Fate lavorare gli studenti in piccoli gruppi per ottimizzare l’apprendimento proprio e degli altri. Utilizzate le strategie quali pensa-coppia-condividi in cui gli insegnanti chiedono agli studenti di pensare ad un argomento, di fare coppia con un partner per discuterne e condividere le idee con il gruppo. (Slavin, 2002).

 

Terminare la lezione

  • Riepilogare i punti fondamentali. Se fornite un compito, fatelo ripetere a tre studenti diversi, poi fatelo ripetere alla classe all’unisono e mettetelo sulla lavagna.
  • Anticipare la prossima lezione. 
    Spiegate agli studenti come iniziare a preparare la prossima lezione. Ad esempio, informate i bambini che dovranno metter via i loro libri e arrivare davanti la porta della stanza per una lezione di spelling di gruppo.
  • Essere specifici su cosa portare a casa.

 

Lo staff di Upbility

 

http://www.ldonline.org

https://childmind.org/

https://www.helpguide.org


Lascia un commento

I commenti saranno approvati prima della pubblicazione.


Also in Upbility Blog

Conseguenze di una velocità di elaborazione ridotta
Conseguenze di una velocità di elaborazione ridotta

La velocità di elaborazione indica il tempo impiegato dal cervello a svolgere un determinato compito ed è collegata alla capacità di elaborare informazioni in modo veloce, automatico e inconscio.

La velocità di elaborazione è la capacità di svolgere attività cognitive ripetute in modo rapido e automatico, ad esempio test che richiedono decisioni semplici e immediate, come la gestione di dati in modo veloce e accurato.

Vedi articolo completo
Perché si ritarda la diagnosi di autismo?
Perché si ritarda la diagnosi di autismo?

Per i bambini nello spettro autistico, la formazione precoce delle abilità sociali, preferibilmente prima dell’età scolare, può ripercuotersi sullo sviluppo. Ma a molti bambini manca quell’intervento vitale.

Per molti di loro non si tratta di non ricevere una diagnosi - si tratta di avere una diagnosi diversa. Spesso, si tratta di ADD diagnosticata da un pediatra all’età di 2 o 3 anni. Oppure ai genitori viene detto che il loro bambino ha disturbi di elaborazione sensoriale

Vedi articolo completo
Comunicazione non verbale
Comunicazione non verbale

I segnali non verbali sono usati anche nel processo di comunicazione. Ogni comportamento non verbale che mostriamo, tipo i nostri gesti, il modo in cui ci sediamo, il ritmo e il tono della nostra voce, la distanza che manteniamo dalla persona con cui parliamo e il contatto con gli occhi che creiamo porta forti messaggi che restano li anche quando smettiamo di parlare. Anche quando stiamo in silenzio la comunicazione continua in maniera non verbale.

Vedi articolo completo

Novità e aggiornamenti

Tipo: pdf file
Risorse per terapisti in formato elettronico: basta un click
- I nostri eBook sono strutturati in modo che sia possibile stampare solo le parti necessarie, evitando sprechi di carta e inchiostro. Alcune ricerche hanno dimostrato che i libri elettronici consentono di ridurre del 30% le spese di magazzino.
- Gli eBook possono essere utilizzati ovunque e in qualsiasi momento, su diversi tipi di dispositivi. L’intero processo di acquisto è completamente automatizzato e i nostri rappresentanti sono sempre a disposizione per qualsiasi informazione. Inoltre gli eBook sono molto comodi quando si è in viaggio.
- Contengono esercizi e attività progettati espressamente per la stampa ed è possibile fotocopiarli ogni volta che si vuole.

 

Novità e aggiornamenti