Studio dell’impatto sull’apprendimento dovuto alla pandemia | Upbility IT
Studio dell’impatto sull’apprendimento dovuto alla pandemia 

Lo studio Understood rivela le realtà accademiche, emotive e finanziarie e le implicazioni della didattica a distanza 

 

Quasi il 60% dei genitori di bambini con differenze di apprendimento e di pensiero dicono che i bambini sono rimasti indietro di un anno e che non riusciranno mai a recuperare, contro appena il 16% dei genitori tipici 

I genitori riferiscono che i bambini con differenze di apprendimento e di pensiero avranno il triplo delle probabilità di sperimentare la depressione dovuta alla didattica a distanza

Il 43% di tutti i genitori si trovano ad affrontare un carico finanziario a causa della didattica a distanza dei figli

NEW YORK (17 MAGGIO 2021) Understood, un’organizzazione che si occupa di impatto sociale e l’unica guida permanente per coloro che imparano e pensano in modo diverso, ha svelato oggi uno studio con informazioni su come il passaggio alla didattica a distanza e la pandemia abbia colpito i bambini e le famiglie sotto il profilo accademico, emotivo e finanziario. 

Lo “Studio dell’impatto sull’apprendimento dovuto alla pandemia”, nel quale è stato condotto un sondaggio su 1500 genitori, ha rilevato che coloro che hanno figli con differenze di apprendimento e pensiero, come ADHD, o disabilità di apprendimento specifichecome la dislessia, stanno affrontando sfide notevolmente maggiori rispetto ai genitori con figli senza differenze di apprendimento e pensiero.  

“Mentre guardiamo alla prossima normalità, pur trovandoci nel mezzo della pandemia da COVID-19 ancora in corso, dobbiamo comprendere l'impatto complessivo della didattica a distanza sui bambini della nostra nazione, soprattutto su quelli con differenze di apprendimento e pensiero”, ha affermato Fred Poses, CEO di Understood. “I risultati del nostro studio confermano che coloro che hanno differenze di apprendimento e di pensiero sono particolarmente vulnerabili in questo momento e che la nostra missione di aiutare questi bambini a progredire è più importante che mai oggi e sta aumentando”.  

Ripercussioni accademiche 

Lo studio ha rivelato che nell'ambito della didattica a distanza, quasi tre quarti (72%) dei genitori si sono accorti o hanno notato che i loro figli possono avere difficoltà o differenze di apprendimento. E un sorprendente 59% dei genitori di bambini con differenze di apprendimento e di pensiero dicono che i loro figli sono rimasti un anno indietro a causa della pandemia e che non riusciranno mai a recuperare, mentre solo il 16% dei genitori tipici - coloro i cui bambini non hanno mostrato segni o non hanno ricevuto una diagnosi di differenza di apprendimento – credono che i loro figli siano indietro negli studi.

Inoltre, il 44% dei genitori di bambini con differenze di apprendimento e di pensiero afferma che il diritto legale del loro bambino di accedere a un’istruzione equa è stato sospeso nel passaggio alla didattica a distanza.

Conseguenze emotive 

I bambini con differenze di apprendimento e di pensiero sono stati particolarmente colpiti emotivamente dai cambiamenti scolastici legati alla pandemia, cosa che ha causato elevati livelli di preoccupazione e ansia tra le mura domestiche. 

Quasi la metà di tutti i genitori (48%) hanno notato cambiamenti comportamentali nei loro figli dall'inizio della pandemia e una percentuale uguale (48%) di coloro che hanno figli con differenze di apprendimento e di pensiero riferisce che questi bambini hanno patito livelli alti ed estremi di ansia legata alla scuola dopo la pandemia, più del doppio di quanto si sia registrato tra i bambini tipici. Lo studio ha rilevato: 

  • La probabilità con cui i bambini con differenze di apprendimento e di pensiero hanno avvertito la depressione relativa ai cambiamenti in ambito scolastico è stata circa tre volte maggiore.
  • Lo stress legato all’apprendimento a distanza è stato molto più elevato per coloro che hanno differenze di apprendimento e di pensiero rispetto a quelli senza (65% vs 44%), con conseguente sofferenza emotiva (61% vs 36%), sintomi fisici (57% vs 30%), elusione della frequenza scolastica (47% vs. 23%) e altro. 

Implicazioni finanziarie 

Inoltre, il 43% di tutti i genitori afferma di dover far fronte a un onere finanziario a causa della didattica a distanza dei propri figli. 

Tuttavia, se si confrontano i due gruppi di genitori, quasi il doppio (56% contro 30%) dei genitori di bambini con differenze di apprendimento e di pensiero dicono che fornire al loro bambino i supporti accademici di cui hanno bisogno ha aggiunto un carico finanziario importante alla loro famiglia. 

  • Il 77% dei genitori sta investendo una quantità significativa sia di tempo che di denaro per sostenere i propri figli con differenze di apprendimento e di pensiero per tenere il passo a livello accademico durante la pandemia da COVID-19. 
  • L'acquisto di software e app supplementari, l'assunzione di tutor personali e la riduzione dell’orario di lavoro sono le misure più comuni che i genitori hanno adottato per sostenere i loro figli durante la pandemia.
  • Il doppio dei genitori (49% contro 25%) di bambini con differenze di apprendimento e di pensiero è preoccupato per la perdita di competenze e conoscenze accademiche durante le vacanze estive, rispetto a quelle dei bambini tipici.
  • La maggior parte (86%) dei genitori di bambini con differenze di apprendimento e di pensiero sta programmando supporti di studio estivi rispetto ad appena la metà dei genitori di bambini tipici.  

  

Condotto nell'aprile 2021, lo “Studio dell’impatto sull’apprendimento dovuto alla pandemia” di Understood ha utilizzato i dati quantitativi di un totale di 1500 genitori di bambini neurotipici e di coloro che hanno differenze di apprendimento e di pensiero in tutti gli Stati Uniti, per capire come la pandemia da COVID-19 abbia influito sui bambini a livello accademico ed emotivo. L'indagine ha intervistato genitori di bambini fra i 5 e i 18 anni, identificati per il 62% come bianchi/caucasici, per il 25% come neri/afroamericani, per il 5% come asiatici e per l’1% come nativi americani. Il venticinque per cento dei genitori sono stati identificati come ispanici/latini. 

Altri articoli su Upbility.it 

Ridurre le sensibilità sensoriali 

Testi con attività pratiche per bambini affetti da disturbi dello spettro autistico 

Nuove risorse